17.2.09

Immacolata corruzione

Il Tribunale di Milano ha emesso oggi una sentenza di primo grado, condannando l'avvocato inglese David Mills a 4 anni e 6 mesi di reclusione per aver dichiarato il falso in due procedimenti penali, a carico di Silvio Berlusconi, essendo stato corrotto dal cavaliere attraverso emissari Fininvest.

Non un teorema, ma una accusa che si basa sulle rivelazioni dello stesso Mills, confessate nel 2004.

Breve sunto da Corriere.it:

"L'avvocato inglese David Mills è stato condannato a quattro anni e sei mesi per corruzione in atti giudiziari dal Tribunale di Milano. Il legale nel luglio del 2004 aveva raccontato ai pm Fabio De Pasquale e Alfredo Robledo di aver ricevuto 600mila dollari dal gruppo Fininvest per dire il falso nei processi in cui era coinvolto Silvio Berlusconi.
"

E quindi mi sono forzato, sfidando anche la febbre, e ho guarducchiato i tg nazionali, per vedere come davano la notizia. Lo confesso, non sono riuscito a gaurdare Mediaset, a tutto c'è un limite.

Alla fine viene fuori quasi incidentalmente il nome di Berlusconi, che però non viene scalfito dalla sentenza.

Già, perché nel frattempo il lodo Alfano (in attesa di giudizio di costituzionalità da parte della Suprema Corte) ha sospeso tutti i processi a carico delle massime cariche dello Stato.

E qui si compie il miracolo.

Essendo coinvolto l'Unto del Signore, abbiamo una sorta di nuova immacolata concezione, in cui nacque un bimbo senza concepimento...

Qua abbiamo l'immacolata corruzione: c'è un corrotto, non può esserci un corruttore.

Ma il cielo è sempre più blu... la la la la... la la la la...


17/02/2009

8.2.09

Per sbaglio

Per sbaglio stasera la tv era accesa.

Sempre per sbaglio l'ho sintonizzata su TGS, altisonante acronimo per Tele Giornale di Sicilia, che credo sia abbastanza plausibilmente la peggiore emittente televisiva dell'occidente cosiddetto evoluto.

Non ho potuto fare a meno di vedere, nel mio viaggio per la stanza alla ricerca del telecomando, la trasmissione che ho visto a volte in onda a casa dei miei quando il Palermo (inteso come squadra di calcio) gioca, come stasera in casa contro il Napoli.

Ho visto il solito... non so, cinema, teatro, scantinato di parrocchia, pieno fino al colmo di esimi concittadini, con il palco impreziosito (adoro gli eufemismi) di star locali... comici, cantanti, cabarettisti, autorità politiche...

Ho fatto in tempo, per sbaglio, a sentire il conduttore della trasmissione cazziare brutalmente una ragazza, ignoro chi fosse, rea di aver evidentemente detto in diretta (probabile collegamento telefonico, fanno così anche i servizi del loro cosiddetto TG) telefonica nientemeno che "Forza Napoli".

IIl conduttore, la versione emaciata di Telly Savalas, stava dicendo "Abbiamo sentito tutti il tuo Forza Napoli... la prossima volta, mi raccomando, un po' più di rispetto per il pubblico che..."


Ora, io ignoro chi fosse al telefono. Considerati i gusti musicali tipici dei palermitani, niente di strano che fosse una cantante di musica napoletana, magari un'idolo delle folle, una di quelle che canta di arresti, corna, gravidanze a 15 anni con voce lamentosa...

Ipotizziamolo...

Ora io mi chiedo: se mai la vita (improbabile, lo so) dovesse portare il conduttore ad essere ospite in una tramissione di una tv locale napoletana durante un Napoli - Palermo... cosa direbbe? Di certo non "Forza Palermo", dal momento che stasera ha stigmatizzato in diretta la cosa.

Bene, direbbe Forza Napoli, e non per sbaglio.

A me del Palermo non interessa niente, retrocedesse o fosse radiato non ne sentierei la mancanza... come non sentirei la mancanza di questa mentalità palermitana profondamente assoggettata al cosiddetto sentire comune, subito prona di fronte al politically correct da fila alle poste, a radici culturali mai discusse... e quindi mai messe in discussione.

E anche per 'ste cavolate mi sento palermitano per sbaglio.